BACK

Finalmente era arrivata la vigilia di Natale. Le strade della cittÓ erano affollate di gente che si affrettava per acquistare gli ultimi regali. Anche il papÓ di Marco stava cercando un regalo  per il suo bambino, ma non uno qualsiasi: voleva che fosse il pi¨ bel dono che Marco avesse mai ricevuto. "Devo trovare qualcosa di speciale che lo diverta e con cui possa giocare anche da solo. Domani devo partire per un viaggio di lavoro e non potr˛ giocare con lui" pens˛ il papÓ guardando le vetrine piene di giocattoli. Ma Marco possedeva giÓ tantissimi giochi ed era davvero difficile trovare qualcosa di speciale. Mentre camminava pensieroso il papÓ not˛ un grande cartello:"Il regalo pi¨ bello per i vostri bambini". Dietro al cartello stava seduto un vecchio signore vestito da Babbo Natale. Incuriosito il papÓ di avvicin˛. Il signore lo guard˛ a lungo con dolcezza, poi sussurr˛: "Le vetrine ti mostreranno qual' Ŕ il regalo pi¨ bello per il tuo bambino!". Il papÓ rimase sbalordito: le vetrine? da due ore non faceva altro che guardare vetrine e non aveva trovato nulla! era cosý irritato che se ne and˛ senza chiedere spiegazioni. Ormai si era fatto tardi. Il papÓ decise di regalare a Marco un gioco per il computer e si diresse verso il negozio pi¨ vicino. Stava per entrare quando gli tornarono in mente le parole di Babbo Natale e si ferm˛ a guardare la vetrina. All'improvviso si vide riflesso  nella vetrina e finalmente capý:"Ma certo! Il regalo pi¨ bello per mio figlio sono io". La mattina di Natale il piccolo Marco trov˛ sotto l'albero un enorme pacco e lo aprý: dentro c'era un bellissimo biliardino. "Quando ero piccolo questo era il mio gioco preferito" disse il papÓ sorridendo"Vieni, proviamolo subito!". Marco lo guard˛ incredulo:"Ma non dovevi partire per lavoro?" "No, non pi¨. Tu sei molto pi¨ importante!" rispose il papÓ abbracciandolo. E quello  per Marco fu davvero il pi¨ bel regalo che avesse mai ricevuto.