INVERNIZZINA

mi mangerei le mani...

Nino Taranto nei panni di un cantastorie in una piazza con la parodia di "tuppe tuppe marisciÓ" riceve veramente la visita di un maresciallo ma confondendogli le idee riesce ad allontanarsi. Questi, visto presosi in giro inveisce. "mi mangerei le mani". Al che Taranto ritorna consigliandogli: "no, no, no e invece di mangiarvi le mani, mangiatevi Invernizzina!". La voce di sottofondo dice: "Un formaggio fresco e burroso, invernizzina doppiapanna". Conclude ancora Nino Taranto sulla musica di "tolon tolon": "Invernizzi Invernizzina che bonta!"

BACK