Su un'isola sperduta in mezzo all'esteso oceano, un uomo e una donna avevano due bambini gemelli, un maschio e una femmina. La bambina si chiamava Pirierera, che significa Inseparabile, dal momento che amava teneramente il fratello e non lo lasciava mai. Era nata solo qualche minuto prima di lui, ma se ne occupava come una madre. La vera madre, Tarekore-kore, era una donna malvagia e collerica, che non smetteva mai di sgridare e di picchiare i figli. Una notte, Tarekore-kore tornò a casa con un cesto colmo di pesci. La donna mise i pesci ad arrostire, svegliò il marito e si sedettero a tavola. L'uomo disse: "Svegliamo i bambini perché possano mangiare finché il pasto è ancora caldo."  "Non muoiono certo di fame!" replicò la donna. "Lasciamoli dormire; metterò gli avanzi di pesce nel cesto e li mangeranno domani, anche se freddi." I bambini però non dormivano: la fame li teneva svegli. Piangevano, ma non osavano singhiozzare troppo forte, per timore di farsi sentire dalla madre. Inseparabile sussurrò al fratello: "Andiamocene da qui! Visto che nostra madre ci fa tutti questi dispetti, mi occuperò io di te! Non patirai mai più la fame!" In silenzio uscirono dalla capanna e cominciarono a correre più velocemente possibile, nella notte, senza sapere dove stavano andando. Giunsero ai piedi di un'imponente scogliera e iniziarono ad arrampicarsi; salivano sempre più in alto e continuavano a piangere disperati. Ogni volta che una loro lacrima cadeva sulle pietre formava una piccola cavità. Arrivati sulla sommità della scogliera, non sapevano dove andare; si sentivano molto soli e abbandonati. Sotto di loro, le onde si infrangevano contro le rocce e, molto lontano sopra le loro teste, le stelle brillavano nel cielo. Inseparabile tese la mano verso il cielo e disse: "Guarda! Lassù i nostri genitori non potranno mai trovarci; potremo passeggiare e giocare liberamente!" Cinse con forza il fratello tra le braccia e saltò nel cielo. Il mattino seguente,  Tarekore-kore ando' a svegliare i bambini, ma i letti erano vuoti; furiosa, corse dal marito: "I bambini sono scappati! Saranno guai seri per loro quando li troverò!" Ma, nonostante le assidue ricerche, non riuscirono a rintracciarli; verso mezzogiorno, giunsero ai piedi della scogliera e notarono i piccoli fori provocati dalle lacrime. "Forse sono caduti e sono annegati nel mare!" disse il padre. Per la prima volta, Tarekore-kore si sentì pervadere dall'inquietudine; in fretta e furia, i genitori seguirono le tracce delle lacrime e arrivarono in cima alla scogliera, dove le tracce finivano misteriosamente. Non sapevano più dove cercare; la donna scrutava le onde sotto di loro. All'improvviso, il marito esclamò "Eccoli!" E con la mano indicò un preciso punto nel cielo. I due bambini correvano felici nell'immensità blu: Inseparabile teneva il fratello per mano e insieme saltellavano e ridevano come matti. Erano molto piccoli, visti da lontano, ma le loro risa si percepivano distintamente.
"Bambini cattivi, fermatevi!" urlò la madre. Poi, prese la rincorsa e con un balzo 
iniziò ad inseguirli, il marito fece altrettanto e si misero a correre, ma i bambini continuavano a ridere e a saltellare senza preoccuparsi dei genitori. Da quel giorno, i gemelli non hanno più smesso di correre per il cielo e i loro genitori continuano a inseguirli, senza mai raggiungerli. Gli abitanti dell'isola sperduta in mezzo all'oceano affermano che da tempo immemorabile la malvagia Tarekore-kore non riesce ad avvicinarsi ai suoi bambini.  Quando la notte è molto buia, è possibile vedere Pirierera e il suo fratellino; si riconoscono dalle altre stelle perchè si tengono per mano, stretti l'uno all'altra. Sono gemelli ed è per questa ragione che chiamiamo la costellazione i Gemelli.