C'era una volta, lontano lontano, un mercante che aveva tre figli. Quando furono cresciuti ed ebbero ricevuto la loro istruzione da maestri famosi, il padre volle vedere come si sapessero arrangiare nei misteri della mercatura. Li chiamò a se, diede a ciascuno cento zecchini e li mandò nella capitale a comperare merci da rivendere. I due più grandi viaggiarono insieme verso la capitale, lasciando al suo destino il fratello più piccolo, perchè lo credevano più stupido e temevano che facesse far loro brutta figura. Giunti in città, comprarono merci d' ogni genere; quando le portarono a casa, il padre fu molto soddisfatto dell'affare ed ebbe per loro parole di lode. Anche il fratello più piccolo si diresse verso la capitale, ma vicino a un villaggio trovò in mezzo alla strada un cadavere intorno al quale ormai si aggiravano i corvi. Si affrettò ad entrare nel villaggio e chiese ai primi contadini che incontrò perché mai non seppellissero il cadavere e lo lasciassero imputridire. «Eh», gli risposero con disprezzo «il morto non ha neanche un parente che paghi al prete le spese delle esequie... Lo sai bene che di un povero nessuno si cura.» «Pagherò io!», rispose il giovane e seppellì coi dovuti onori resti mortali dello sconosciuto. Il funerale gli costò cinquanta zecchini; coi soldi rimasti si affrettò verso la città per investirli in merce. Tornato a casa, disse a suo padre come aveva speso il denaro; ma quello, anziché rallegrarsi per la bontà d'animo del figlio, gli rivolse parole di rimprovero, dicendogli che, se si fosse comportato ancora in modo tanto sconsiderato e non fosse stato capace di apprezzare il denaro come si conviene, lo avrebbe scacciato di casa. Non passò molto tempo e il mercante mandò di nuovo i suoi tre figli a comprare merci in città, dando a ciascuno di loro, stavolta, duecento zecchini. I due più grandi andarono da soli anche stavolta; arrivarono a destinazione e comprarono la merce a buon mercato, sicché il padre rimase molto soddisfatto della loro avvedutezza. Il  più piccolo, arrivato in città. mentre andava per una strada vide il bel viso di una fanciulla dietro le sbarre di una finestra del carcere; in strada c'era una folla di curiosi che discutevano sul  perché e il per come del suo arresto. Appena vide la fanciulla, si rivolse verso la finestra del carcere e le domandò: «Perché ti hanno messo in prigione?».«Che ne so? In città hanno rubato cento zecchini e le forze dell'ordine pensano che li abbia rubati io. Ma io sono innocente e di quei soldi non ne ho alcun bisogno; però non voglio dire chi sono e da dove vengo. Per questo motivo si sono arrabbiati e mi sospettano ingiustamente, tenendomi qua dentro.» Il figlio del mercante, misericordioso com'era, non poteva sopportare che un essere umano innocente subisse una così grande ingiustizia. Andò di corsa dai giudici e versò la somma di cento zecchini, pregandoli di lasciar andare la ragazza che era innocente. Il danno lo avrebbe rifuso lui, finchè non si fosse trovato il ladro.I giudici esaudirono la sua richiesta e scarcerarono la ragazza. Essa era nientemeno che la figlia dell'imperatore, alla quale piaceva andare a passeggio tutti i giorni per la città, vestita in abiti sempre diversi, per vedere le ingiustizie cui erano sottoposti i poveri. Così era stata arrestata al posto del ladro ed era stata messa in prigione. Quando la fecero uscire, si sfilò dal dito l'anello d'oro e lo diede al giovane di buon cuore, dicendogli: «Ti riconoscerò da questo anello...». Poi si diresse verso il palazzo imperiale, felice di non essere stata costretta a rivelare la propria identità. Il figlio più piccolo acquistò mercanzie con i cento zecchini che gli erano rimasti; poi, tornato al focolare paterno, raccontò a suo padre che cosa gli era capitato e come aveva liberato dal carcere la giovane innocente. «Non combinerai mai niente di buono, cretino! Raccogli i tuoi stracci e sparisci! Non voglio vederti mai più!», gli urlò suo padre infuriato. Gli diede qualche zecchino per le necessità del viaggio e gli proibì di dire a chicchessia che era suo figlio. Il povero ragazzo vagò lungamente, ma non trovò un'occupazione da nessuna parte. Un giorno, mentre camminava stanco e addolorato, incontrò un vecchio.«Perché sei triste, giovanotto?», gli chiese il vecchio. Il giovane vagabondo raccontò al vecchio la sua disgrazia; questi cercò di rasserenarlo e, quando si separarono, gli disse: «Promettimi che tra sette anni dividerai con me tutto il tuo avere e io ti aiuterò ad avere fortuna sulla strada che hai preso» «Sono ben lieto di prometterlo!» rispose il giovane. «Allora vai alla corte dell'Imperatore, ché sua figlia ti aspetta», gli disse il vecchio e scomparve in un batter di ciglio, come se la terra lo avesse inghiottito. Il giovanotto si diresse verso la città. Qui venne a sapere che l'Imperatore voleva dare un marito a sua figlia; ma lei voleva sposare solo uno che avrebbe potuto amare, anche se fosse stato un popolano. Suo padre non la voleva scontentare in nulla, perché era figlia unica e accettò volentieri che si scegliesse da sola il marito. Vennero pretendenti a centinaia, tutti principi e figli di imperatori, di conti, di nobili; ma tutti dovevano tornarsene indietro, perché non ce n'era uno che piacesse alla ragazza. Allora anche il figlio del mercante tentò la sorte. Appena la fanciulla vide il proprio anello al dito di lui, lo prese sotto braccio e andò con lui dall'Imperatore per ricevere la benedizione. L'Imperatore fece celebrare uno sposalizio di favola; e alla sua morte, non essendoci un altro erede al trono, gli succedette suo genero. Passarono gli anni e un bel giorno, improvvisamente, si presentò alla corte imperiale il vecchio, a chiedergli di fare a metà con lui tutto il suo avere, così come erano rimasti d'accordo. L'Imperatore fece due parti di tutto il suo avere e si preparava a dare una metà al vecchio. Ma questi pretendeva di avere la sua parte anche dei bambini, che erano due, belli e con i capelli d'oro. Con il cuore a pezzi, disse al vecchio: «Uno è tuo». «Dobbiamo fare a metà anche di tua moglie!», disse allora il vecchio. «Ma come è possibile?», chiese stupito l'Imperatore. «Tagliala in due con la spada e dammene metà!» «Amo troppo mia moglie, per vederla soffrire. Ma, siccome ti ho promesso di fare a metà con te di tutto quanto, voglio tener fede alla mia parola, anche se mi sanguina il cuore. Porta via con te mia moglie, ma tutta intera, senza che le dobbiamo togliere la vita.» «Conserva tutto per te», rispose allora serenamente il vecchio «ché io non ho bisogno di nulla. Ho solo voluto vedere come sai mantenere la parola data. Sappi che la parola di un uomo è la cosa che vale più di ogni altra al mondo.» Poi scomparve in un batter di ciglio. L'Imperatore visse ancora molti anni, felice con la sua famiglia; e, essendo uomo del popolo, seppe proteggere il popolo e rendergli giustizia.